lunedì 31 ottobre 2011

Handle with care


Dal 28 Ottobre al 27 Novembre 2011, alla galleria Giudecca 795 Art Gallery di Venezia, presso le Fondamenta San Biagio a Venezia si tiene la mostra 'Handle with care' di Alice Attanasio che presenta le ultime opere della giovane pittrice.

Per citare la presentazione della mostra

Alice Olimpia Attanasio è sensibile al mondo e a ciò che la circonda, la sua arte è linguaggio di se stessa, della propria individualità; è una esteta dell'immagine, sperimenta l'uso di materiali, note sono le sue installazioni realizzate con caramelle, crea e dà vita all'opera attraverso la fantasia e la perfezione di chi ama la bellezza, la presenza della donna e degli stessi luoghi che le appartengono come essere della natura.

In questa occasione l'indagine espressiva si sofferma sul concetto di fertilità quale unica fonte salvifica in una società corrotta e degradata. Le quattro fotografie di grande formato ritraggono donne incinte sorprese nella silente drammaticità quotidiana: la malata, la prostituta, l'operaia, la terremotata,
divengono qui nuove icone per il necessario riscatto sociale. Sono scatti che vivono costantemente all'interno di una fase figurativa surreale e onirica, linguaggio che accompagna il percorso espressivo dell'artista sin dagli esordi.

Come il cuore, muscolo vitale, fil rouge in continua evoluzione e qui racchiuso in una teca sintetica, quale simbolo del ventre materno.

Quello di Alice Olimpia Attanasio è un mondo di favole dove l'incontro delle sensazioni interiori con una realtà efficace e sofferta reagisce ai moti dell'anima con il potere delle sensazioni visive, favole non raccontate ma appena sussurrate nelle quali l'artista mette al bando la sterilità degli effetti speciali,perchè la favola non ha bisogno di essi. La sua è sincerità espressiva, stillicidio di pensieri, poesia moderna.

Come l'opera epilogo della mostra in cui l'artista estrae scatti montati e ripetuti in loop dove lei stessa è ritratta mentre occupa una fila di sedie. L'immagine replicata e desemiotizzata azzera ogni traccia di senso compiuto, aprendo la narrazione a una dimensione astratta, diluita lungo un movimento a spirale. L'attesa, come il file in fase di progressione senza fine.

Crisi di identità degli esseri umani che vivono una vita priva di scopo e di significato e dunque:

'Aspettiamo Godot'.

Nessun commento:

Posta un commento