mercoledì 11 aprile 2012

Il Primo uomo sul sole


IL PRIMO UOMO SUL SOLE di MARIO CONSIGLIO

Ideazione e coordinamento: Enzo De Leonibus
A cura di: Maurizio Coccia
Ente attuatore e promotore: Comune di Città Sant’Angelo (PE)
Inaugurazione: sabato 14 aprile, ore 19:00
Date: 15 aprile – 18 maggio 2012
Sede: Museo Laboratorio – Ex Manifattura Tabacchi, Vico Lupinato 1, 65013 Città Sant’Angelo, Italy
Orari di visita: Aperto tutti i giorni dalle 18,00 alle 21,00. Chiuso lunedì̀ e martedì̀
Info: Tel. + 39 085 960555 www.museolaboratorio.org, info@museolaboratorio.it


Il primo uomo sul sole è la mostra che raccoglie i risultati di una ricerca iniziata diversi anni fa. Mario Consiglio – artista italiano con costanti e lunghe frequentazioni estere – da tempo va sviluppando un discorso comparativo tra mondo animale e società contemporanea. L’osservazione delle dinamiche umane l’ha portato a ideare una sorta di inquietante “fattoria degli animali”, con un’incisiva finalità allegorica. Però, a differenza del romanzo di Orwell, le accuse al totalitarismo, qui, lasciano il posto a una serrata critica sociale. La rassegna delle opere in mostra a Città Sant’Angelo conta soprattutto sculture in vetroresina di animali in scala reale. Ma, a uno sguardo approfondito, l’apparente realismo di elefanti, gorilla, cani eccetera, svela l’esistenza di inaspettati rapporti dialettici col mondo circostante. Minuscole strutture abitabili, ospitate all’interno di un cane dall’aria servizievole. Grandi pietre che gravano su agnellini indifferenti o collocate nella testa piena di sussiego di un cavallo. Insomma viene il sospetto che la solenne, per quanto artificiale, nobiltà zoologica risulti comunque vincente nei confronti di una tecnologia aggressiva ma rudimentale. Altri indizi li troviamo nei grandi attrezzi da lavoro, la cui violenza potenziale è annullata dall’uso incongruo. Oppure nella galleria di ritratti a testa in giù, dove gli incerti rigagnoli di colore tentano – senza riuscirvi – di mortificarne la “bestiale” precisione fisionomica.
La riconosciuta capacità manuale di Mario Consiglio, infine, in questa mostra è al servizio di una tecnica volutamente low-fi. E, quasi fosse la metafora del nostro destino prometeico, la mano armata di martello che si staglia contro il sole (immagine-guida dell’esposizione), resta comunque il segno di un fallimento. L’instancabile smania di conquista del genere umano (il primo uomo sul sole!), è costretta a fare i conti con la nostra radice animale. Cioè quei bisogni primari che, oltre a inquinare i rapporti interpersonali, macchiano le più alte aspirazioni idealistiche dell’umanità. Come ben rappresentato dal Faust di A. Sokurov, film che, in continuità con l’esperienza iniziata con Il grado zero dello sguardo (la mostra del luglio 2011), propone ulteriori elementi di dibattito e punti di vista alternativi sulle opere presentate.


MARIO CONSIGLIO

Nasce a Maglie (Lecce) nel 1968. Vive a Berlino e Perugia.

Si diploma all'Accademia di Belle Arti di Urbino. Ha esposto in numerosi spazi privati e pubblici, in Italia e all’estero: Grimm Museum (Berlino), Trolley Gallery (Londra), Galleria Carbone (Torino), Galleria Seno (Milano), Studio Visconti di Milano, Studio La Città di Verona, Galleria Astuni di Pietrasanta (Lucca). È presente nella sezione umbra della Biennale di Venezia, ospitata presso Palazzo Collicola a Spoleto.

Egli è uno dei più significativi artisti umbri, attualmente residente a Berlino ed affermato a livello internazionale. Le sue immagini, che nei primi lavori rimandavano al mondo del fumetto, nelle opere più recenti scaturiscono da un’attenta analisi del quotidiano abitativo, televisivo, simbolico. Lo raccontano attraverso tecniche originali e in continua evoluzione. Mario Consiglio lavora sull'alterazione ironica dell’immagine e sul riutilizzo dei materiali, affrontando temi caldi legati alla società contemporanea e alla sua decadenza.

Nessun commento:

Posta un commento